Intercettazione Telefonica fra Berlusconi e Sacca'
2008.06.17


telefono erotico Berlusconi: Agostino!
Sacca': Presidente! Buonasera... come sta... Presidente...
B: Si sopravvive...
S: Eh... vabbe', ma alla grande, voglio dire, anche se tra difficolta', cioe' io... lei e' sempre piu' amato nel Paese...
B: Politicamente sul piano zero...
S: Si'.
B: ... Socialmente, mi scambiano... mi hanno scambiato per il Papa...
S: Appunto dico, lei e' amato proprio nel Paese, guardi glielo dico senza nessuna piangeria...
B: Sono fatto... oggetto di attenzione di cui sono indegno...
S: Eh... ma e' stupendo, perche' c'era un bisogno... c'e' un vuoto... che... che lei copre anche emotivamente... cioe' vuol dire... per cui la gente... proprio... e' cosi'... lo registriamo...
B: e' una cosa imbarazzante...
S: Ma e' bellissima, pero'.
B: Vabbe'... allora?
S: Presidente io la disturbo per questo, per una cosa fondamentale, volevo dirle alcune cose della Rai importanti in questo momento, perche' abbiamo faticato tanto per conservare la maggioranza... eh, la maggioranza cinque e' importante anche in questo passaggio, riusciamo a conservarla per un anno dopo la... ma e' strategica questa cosa, ma se la stanno giocando in una maniera... stupida... proprio, cioe'... quindi, volevo... lei gia' lo sa... perche' le avevo... volevo darle questo allarme, perche', allora, se abbiamo la maggioranza in consiglio, e quindi abbiamo una forte importanza, questa maggioranza non la smonta piu' nessuno ormai dopo la decisione...
B: Si',... non capisco Urbani che fa lo stronzo, no?!
S: Mah! Allora... Urbani, io non... non lo so... penso che in questi giorni sono stati piu' i nostri alleati... che hanno un po'... no!... lui forse ha fatto un errore su Minoli... e l'altra volta... eh... pero' sono stati un po'... An e anche la Lega, che per un piatto di lenticchie hanno spaccato la maggioranza... dopo quindici giorni, in cui la maggioranza era uscita saldissima dalle aule giudiziarie (...)
B: ... adesso li richiamo... a... (parola incomprensibile)...
S: Li richiami lei all'ordine... Presidente...
B: D'accordo.
S: ... perche' abbiamo una grande vittoria... qui in azienda stavamo riprendendo... anche consensi... in giro (fonetico)
B: Vabbe'... va be'... adesso vediamo, vediamo un po'. Senti, io... poi avevo bisogno di vederti...
S: Si'.
B: ... perche' c'e' Bossi che mi sta facendo una testa tanto...
S: Si'... si'...
B: ... con questo cavolo di... fiction... di Barbarossa...
S: Barbarossa e' a posto per quello che riguarda... per quello che riguarda Rai fiction, cioe' in qualunque momento...
B: Allora mi fai una cortesia ...
S: Si'.
B: Puoi chiamare la loro soldatessa che hanno dentro il consiglio...
S: Si'.
B: ... dicendogli testualmente che io t'ho chiamato ...
S: Vabbene, vabbene...
B: ... che tu mi hai dato garanzia che e' a posto...
S: Si', si' e' tutto a posto...
B: ... chiamala, perche' ieri sera...
S: La chiamo subito Presidente...
B: ... a cena con lei e con Bossi, Bossi mi ha detto, ma insomma... di qui di la'... dice... Ecco, se tu potevi fare 'sta roba... mi faresti una cortesia (...)
S: Quindi, adesso io la chiamo subito ecc... Presidente, poi quando lei ha un attimo di...
B: La settimana prossima sto a Roma... vieni a trovarmi quando vuoi...
S: Eh... vediamo...
B: ... Chiama la Marinella (Brambilla, la segretaria di Berlusconi, ndr) lunedi'...
S: Mi metto d'accordo con Marinella...
B: ... lunedi' che ci mettiamo d'accordo, vabbene. Senti, tu mi puoi fare ricevere due persone...
S: Assolutamente...
B: ... perche' io sono veramente dilaniato dalle richieste di coso...
S: Assolutamente...
B: Con la Elena Russo non c'era piu' niente da fare? Non c'e' modo...?
S: No... c'e' un progetto interessante... adesso io la chiamo...
B: Gli puoi fare una chiamata? La Elena Russo; e poi la Evelina Manna. Non c'entro niente io, e' una cosa... diciamo... di...
S: Chi mi da' il numero?
B: Evelina Manna... io non ce l'ho...
S: Chiamo...
B: No, guarda su Internet...
S: Vabbe', la trovo, non e' un problema... me la trovo io...
B: Ti spiego che cos'e' questa qui...
S: Ma no, Presidente non mi deve spiegare niente...
B: No, te lo spiego: io sto cercando di avere...
S: Presidente, lei e' la persona piu' civile, piu' corretta...
B: Allora... e' questione di... (parola incomprensibile, le voci si accavallano)...
S: Ma questo nome e' un problema mio...
B: Io sto cercando... di aver la maggioranza in Senato...
S: Capito tutto...
B: Eh... questa Evelina Manna puo' essere... perche' mi e' stata richiesta da qualcuno... con cui sto trattando (probabilmente un senatore dell'Unione pronto a passare con la Cdl, ndr)...
S: Presidente... a questo proposito, quando ci vediamo, io gli posso dire qualcosa che riguarda la Calabria... interessante...
B: Molto bene...
S: ... perche' c'e' stato un errore, in una prima fase c'e' stato un errore per la persona che ha mediato il rappor... poi glielo dico a voce...
B: ... che non andava bene?
S: ... non andava bene...
B: Devo farlo io direttamente.
S: Esatto, non andava bene per nulla...
B: Va bene...
S: Poi le dico meglio... Presidente...
B: Va bene, io sto lavorando all'operazione libertaggio... l'ho chiamata cosi', va bene?
(...)

(trascrizione della telefonata tra Silvio Berlusconi e l'allora direttore di RaifictionAgostino Sacca' intercettata dalla Procura della Repubblica di Napoli, 21 Giugno 2007, ore 18:40)